Side Menu
Basilica di San Petronio | Messa degli Artisti in Santa Maria della Vita
7507
page-template-default,page,page-id-7507,page-child,parent-pageid-3364,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,

MESSA DEGLI ARTISTI IN SANTA MARIA DELLA VITA

OGNI SABATO: MESSA DEGLI ARTISTI IN SANTA MARIA DELLA VITA

 

Ritorna, per iniziativa dell’Arcivescovo Monsignor Matteo Zuppi, la bella consuetudine di celebrare una “Messa degli Artisti” al Santuario di Santa Maria della Vita (via Clavature 10).

La prima celebrazione sarà presieduta dalla stesso Arcivescovo sabato 14 aprile alle ore 19.00. Da sabato 21 aprile la Messa sarà invece celebrata alle ore 18.30.

 

“Il dramma del nostro tempo, diceva Paolo VI, è il divorzio ritrovare la loro profonda sintonia – ricorda don Oreste Leonardi primicerio di San Petronio, che insieme al poeta Davide Rondoni coordina l’iniziativa – lo sottolinea già il Concilio Vaticano II, per il quale “fra le più nobili attività dell’ingegno umano sono annoverate, a pieno diritto, le belle arti, soprattutto l’arte religiosa e il suo vertice, l’arte sacra. Esse, per loro natura hanno relazione con l’infinita bellezza divina che deve essere in qualche modo espressa dalle opere dell’uomo” e possono “contribuire il più efficacemente possibile, con le loro opere, a indirizzare religiosamente le menti degli uomini a Dio”.

 

La Messa degli Artisti, che l’Arcivescovo propone ogni sabato, vuole dunque aiutare a riscoprire l’arte come via privilegiata verso l’Assoluto, come “via della belleza” espressione della realtà di Dio, e perciò strumento prezioso per aiutarci a cogliere, come suggeriva von Balthasar, il Tutto nel frammento, l’Infinito nel finito, Dio nella nostra storia – aggiunge don Oreste – noi abbiamo bisogno degli artisti, perché, come disse Paolo VI, il nostro ministero è quello di predicare e di rendere accessibile e comprensibile, anzi commovente, il mondo dello spirito, dell’invisibile, dell’ineffabile, di Dio”.

La Basilica della Vita ha uno stretto legame con San Petronio e la sua Cappella Musicale, che è la più antica istituzione musicale di Bologna. Fondata nel 1436, ha curato per cinque secoli l’apparato musicale della città, divenendo uno dei centri più importanti d’Europa per la musica sacra. “La Cappella è stata ricostituita trent’anni fa – riferisce il maestro Michele Vannelli, che animerà una delle prossime Messe – con l’intento di valorizzare il patrimonio musicale inestimabile costituito dalle opere dei compositori bolognesi, conservate in abbondanza di fonti nel ricchissimo archivio annesso alla Basilica: da allora centinaia di partiture inedite sono state riscoperte, studiate, trascritte e restituite all’ascolto del pubblico contemporaneo”.

Torna all’elenco delle Iniziative ed Eventi