Side Menu
Basilica di San Petronio | XI Cappella di San Bernardino - Basilica di San Petronio
Cappella di San Bernardino appartiene alla Fabbrica ed è racchiusa all’interno di una transenna che venne eseguita nel 1909 su disegno di A.Casanova.
Cappella di San Bernardino
154
page-template-default,page,page-id-154,page-child,parent-pageid-62,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,

 

XI. Cappella di San Bernardino

 

Appartenente alla Fabbrica questa cappella è racchiusa all’interno di una transenna che venne eseguita nel 1909 su disegno di A.Casanova il quale decorò pure il basamento della cappella.

 

Nello stesso anno venne riaperto il finestrone e venne sistemato l’altare con la ricca ancona del XVIII secolo proveniente dalla cappella dei Notai dell’omonimo palazzo e la statua lignea di San Bernardino, di autore ignoto del XV secolo.

sanbernardinoweb18

Nel 1984 sono stati qui collocati i due fianchi della cassa lignea più antica dell’organo quattrocentesco di Lorenzo da Prato e, durante i lavori di restauro dello strumento, recuperati all’interno della gran macchina decorativa seicentesca in cui erano rimasti occultati.

Tali fianchi erano stati dipinti nel 1531 da Amico Aspertini, in cui ha raffigurato quattro storie della vita di San Petronio: consacrazione di San Petronio, ingresso di San Petronio a Bologna, predica di San Petronio e miracolo dell’operaio risanato dal santo.

 

Nonostante il plurisecolare abbandono, i dipinti sono stati ritrovati in buono stato di conservazione (restaurati da Pietro Tranchina) e mostrano la straordinaria potenza inventiva del pittore e la sua impareggiabile capacità di demistificare ogni stereotipo con genialità popolaresca.

 

sanbernardinoweb19

 

Nel pilone fra la cappella XI e l’ingresso del Museo si trova la memoria del generale Antonio Felice Monti, luogotenente generale dell’esercito francese (1738); mentre sopra la porta del Museo è conservata la tela rappresente la cena di Cristo in casa di Simone, opera assai deperita del bresciano Carlo Mazza (metà del XVIII secolo).

Torna indietro all’elenco delle Cappelle