anybunny.tv 17 year saxi vedio girl sunny leone chuda chudi 12 yars bulu bf sexi filam porndu.net rajwap porn pornfactory.info hotmoza.tv sunny leone jabardasti chudai video pornko.net sitemap
Side Menu
Basilica di San Petronio | Cappella di Sant'Abbondio - Basilica di San Petronio
Cappella di Sant'Abbondio dedicata a S. Giorgio, appartenne ai Dieci di Balia e poi alla Provincia. Al suo interno venne celebrata la prima S.Messa il 4 Ottobre 1392.
Cappella Sant'Abbondio
119
page-template-default,page,page-id-119,page-child,parent-pageid-62,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,

 

I.Cappella di S. Abbondio

 

In precedenza dedicata a S. Giorgio, fu dei Dieci di Balia, poi della Provincia. Secondo alcuni studiosi fu nei pressi di questa cappella che, il 24 febbraio 1530, Carlo V sostò per rivestire il manto imperiale prima di essere incoronato, ma il fatto non è certo, così come non è facilmente comprovabile l’altra tradizione secondo la quale sarebbe stata celebrata la prima S.Messa, nella basilica ancora in costruzione, il 4 Ottobre 1392.

 

La decorazione interna della cappella venne totalmente ristrutturata nel 1865 su disegno dell’architetto Albino Riccardi.

La transenna con la Madonna nella lunetta dipinta da Luigi Masetti; l’altare con la statua marmorea di Sant’Abbondio scolpita da Giuseppe Pacchioni e la vetrata opera di Giuseppe Bertini sono, invece, opera di un restauro del 1867.

santabbondioweb4-1.jpg


Nelle pareti laterali è possibile ammirare degli affreschi simbolici di Giovanni da Modena: a partire da destra vi è la redenzione del peccato originale, a sinistra il trionfo della Chiesa sulla Sinagoga, accompagnati da relative leggende in esametri leonini; al di sotto emergono gli stemmi, in arenaria, dei Dieci di Balìa.

santabbondioweb3

Tra la prima e la seconda cappella è collocata la Croce di Porta Ravennate, una delle quattro che la leggenda petroniana vorrebbe collocate dal Santo, qui trasportate nel 1798: fu scolpita da Alberico e dal figlio Pietro nel 1159 e reca da un lato il Crocifisso, dall’altro Cristo benedicente.

 

Nella parete retrostante, un affresco, di Giovanni da Modena , venne riscoperto durante i restauri del 1922 e rappresentante nella parte superiore, l’allegoria delle fortune terrene e delle fortune celesti e, in quella inferiore, la Madonna col Bambino in trono fra i santi Antonio Abate e Caterina.

 

Torna indietro all’elenco delle Cappelle